Privacy Policy Skip to content

Roma Fiction Fest- Il “crime” resiste: ecco le serie che vedremo.

(pubblicato precedentemente su www.nottecriminale.it)

Ha preso il via domenica scorsa, il “Roma Fiction Fest”, la manifestazione capitolina dedicata al mondo della fiction italiana e straniera giunta quest’anno alla sua sesta edizione.

Tra le 80 anteprime internazionali di cui 5  mondiali, largo spazio hanno ottenuto le commedie, i drammi sentimentali (perlopiù italiani), le fiction in costume, i serial fantasy e per la prima volta un’intera sezione dedicata ai bambini e agli adolescenti la “Kids&Teen”.

Il genere crime, seppur in maniera defilata (pochi i “pink carpet” dedicati), non ha risentito di questo cambio di rotta un po’ “low-profile” e nonostante siano lontani i tempi in cui le folle di pubblico si recavano all’Auditorium per acclamare i beniamini di ‘Romanzo Criminale-La Serie, di ‘C.S.I.’ piuttosto che di ‘Criminal Minds’ il menu del fiction fest non ha di certo lasciato a bocca asciutta gli appassionati del genere.

A esordire, in anteprima mondiale, è stata la serie tv con protagonista Melissa George (già vista in ’Alias’, Grey’s Anatomy e Mulholland Drive di David Lynch) “Hunted” che racconta la storia di Sam Hunter, agente sotto copertura che sopravvissuta ad un attentato alla sua stessa vita, scoprirà che il mandante si nasconde in realtà tra i suoi colleghi di cui non potrà più fidarsi, a Sam viene affidato l’incarico di infiltrarsi nella vita e nel mondo del lavoro di un uomo d’affari spietato e sanguinario, un compito usuale per una spia ma non per lei che dovrà agire da sola sapendo di essere un bersaglio mobile che non può fidarsi di nessuno. Scritta da Franz Spotniz (uno degli sceneggiatori di X-Files) la serie, trasmessa nel Regno Unito da BBC, andrà in onda in Italia da Dicembre su SkyunoHD.

Un C.S.I. ambientato nell’800” così Matthew Macfadyen  definisce “Ripper Street” altra serie britannica in costume dove veste i panni di Edmund Reid, un ispettore chiamato ad indagare sul massacro di una serie di prostitute nel quartiere londinese malfamato Whitechapel, spargimenti di sangue ai quali Reid non è nuovo: Jack Lo Squartatore, il serial killer più ricercato d’Inghilterra è ancora a piede libero ed il fantasma del fallimento nella cattura è  sempre in agguato e sia l’ispettore che i suoi collaboratori dovranno prima o poi fare i conti con il loro passato. Una sorta di C.S.I. ambientato nella Londra dell’era vittoriana che ci ricorda il romanzo di Roberto Genovesi “La Mano Sinistra di Satana” (Ed. Newton Compton, 2012) che abbiamo incontrato quest’estate al Trastevere Noir Festival.

Gli inganni della politica, i meccanismi della corruzione, le trappole della seduzione sessuale”: sono invece gli ingredienti di “Boss” una delle serie di maggior successo in Usa e che andrà in onda a partire da questa sera e per 4 giovedì, su Rai 3, che racconta di Tom Kane, sindaco di Chicago a cui viene diagnosticata una grave malattia degenerativa neurologica che terrà nascosta a tutti i suoi collaboratori, le elezioni incombono e Kane è pronto a tutto pur di vincerle e non ha paura di sporcarsi le mani. Oltre che lottare contro la sua malattia dovrà lottare contro i suoi nemici dando così vita ad una “sorta di tragedia greca che ricorda le vicende del Padrino di Puzo/Coppola.”. Kelsey Grammer (Fraiser, Cin Cin, voce di Telespallabob dei Simpsons americani) che veste i panni del “Boss” in una masterclass aperta al pubblico al Roma Fiction Fest ha sottolineato la complessità del personaggio che interpreta e che, nonostante i suoi precedenti ruoli fossero per la maggior parte comici, non si è mai preoccupato di interpretare la parte del cattivo, <<la cattiveria –ha dichiarato- fa parte di tutti, si può segretamente patteggiare per il personaggio cattivo anche se spero che prima o poi Tom Kane possa redimersi>>.

Degna di nota tra le tante proiezioni all’Auditorium Parco della Musica di Roma anche la presentazione della seconda stagione di “Sherlock” una rivisitazione contemporanea dei classici di Conan Doyle e che nel Regno Unito ha tenuto incollati alla tv oltre 10 milioni di telespettatori. Le avventure di Sherlock Holmes e del fidato dott. Watson, interpretate rispettivamente da Steven Moffat e Mark Gatiss, saranno trasmesse in Italia dal 6 di ottobre ogni sabato alle 21.15 su Premium Joy, il canale pay del digitale terrestre Mediaset.

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi