(da TPostit.it)

Non è una fake news ma l’immagine utilizzata dal leader della Lega Matteo Salvini sui social per rilanciare la notizia di “Un pakistano che a Gallipoli (LE) si è abbassato i pantaloni e mutande provando a molestare una donna per strada non corrisponde al vero.

La foto, infatti, è uno screenshot che i trapanesi sui social hanno riconosciuto subito: si tratta di un fermo immagine di un episodio accaduto lo scorso 21 gennaio 2020 ad Erice, dove un uomo se ne andava in giro per la città completamente nudo.

Il tutto era stato ripreso dai passanti e poi pubblicato sui social. Nel video si vede anche la colluttazione con i Carabinieri intervenuti sul posto che hanno cercato di farlo rientrare in casa. Si trattava di un uomo con evidenti problemi psichiatrici.

[ATTENZIONE IMMAGINI ESPLICITE]

L’errore (?) del leader della Lega nasce dalla pubblicazione della notizia su Dagospia che, a sua volta, riprende il sito locale leccesette.it quest’ultimo, però, non riporta alcuna foto dell’accaduto.

Il sito di Roberto D’Agostino, come è solito fare, per enfatizzare la notizia ha utilizzato come immagine di copertina proprio l’immagine dell’episodio accaduto a Erice allegando anche una fotogallery di vari episodi simili a questo (anche non italiani). Una tecnica che si usa per aumentare il numero di pagine viste sul proprio sito. E, a onor del vero, non scrive da nessuna parte che la foto si riferisce all’episodio di Gallipoli.

La differenza tra il post social di Salvini e quello di Dagospia sta tutta nel modo in cui è riportata la notizia: se nel sito di gossip viene riportata  l’intera notizia della fonte leccesette.it dove è specificato che “il pakistano 35 enne è risultato regolare sul territorio”, sui social di Salvini questo piccolo ma importante particolare scompare dando seguito, come ormai è prassi, all’ondata di commenti razzisti dei suoi sostenitori.

Un uomo che gira nudo per strada e che tenta di molestare una donna è un uomo che ha evidenti problemi psichiatrici (infatti è stato sottoposto al TSO): che sia italiano, americano, pakistano, cinese, senegalese o turco poco cambia.

E la dimostrazione di ciò è tutta in quella foto pubblicata dallo stesso leader della Lega il cui protagonista è -ironia della sorte- un italiano.