I ragazzi di “Amici” puliranno Roma. La De Filippi entra a gamba tesa nella campagna elettorale?

—–

UPDATE 20/01/2018: Virginia Raggi ha risposto all’iniziativa della De Filippi nel modo più intelligente che potesse esserci: cogliere la palla al balzo e rigirare a suo favore questa strana punizione (criticata anche dal Corriere.it). A livello mediatico, mettersi contro Maria De Filippi e fare polemica in campagna elettorale, effettivamente, sarebbe stato come buttarsi la zappa sui piedi.

—–

Pur non essendo giornalista, Maria De Filippi oggi pomeriggio ha deciso di seguire le regole dettate dall’AgCom per le reti private e, quindi, di prendere una posizione netta in questa campagna elettorale. Peccato però che mancava il cosiddetto “contraddittorio”.

A dirla tutta, più che schierarsi, la conduttrice, nel corso della puntata settimanale di “Amici” in diretta su Canale 5, ha dichiarato -indirettamente of course- da quale parte non intende schierarsi: il Movimento 5 Stelle.

Che la simpatia verso il movimento grillino non fosse di casa nella famiglia Costanzo, lo si era capito già da un po’, ma il fatto che alcune scelte del programma, vengano fatte sotto una campagna elettorale appena iniziata che si prevede senza esclusione di colpi (bassi), onestamente non me lo aspettavo. Ma cosa è successo?

I ragazzi di “Amici” puliranno le strade di Roma

Cito testualmente dal Comunicato Stampa della trasmissione:

Di fronte ad alcuni accadimenti avvenuti nel residence dove alloggiano i ragazzi di “Amici”, riassumibili sostanzialmente nel reiterato non rispetto del regolamento da loro sottoscritto in sede di accesso alla scuola, la produzione decide di adottare un provvedimento “socialmente utile”: i ragazzi si mettono a disposizione del Comune di Roma per aiutare a ripulire, notte tempo, le strade della capitale. 

Maria De Filippi durante la puntata oggi in diretta spiega che quello che è avvenuto nei giorni precedenti, non solo è contro il regolamento, ma è anche tanto irrispettoso di tutti gli insegnamenti e i valori con cui i ragazzi sono chiamati a formarsi nella scuola di “Amici”. Insegnanti, professionisti, coreografi, produttori musicali, autori e artisti che compongono la squadra di lavoro, e che solo “Amici” tra i talent, offre a chi partecipa, sono infatti un valore a cui non si può rispondere con totale noncuranza del rispetto delle regole chieste in cambio.

A leggerlo così, effettivamente, la prima cosa che viene in mente è: “oh finalmente la De Filippi una cosa giusta l’ha fatta: ha mandato a lavorare per davvero i ragazzi di Amici“. Poi però rileggi e pensi che c’è qualcosa che non torna.

Nobile il gesto del provvedimento disciplinare socialmente utile ma tra le righe, il messaggio sembra un altro: “Roma è sporca, c’è un’emergenza rifiuti, l’amministrazione 5 stelle è incapace – leit motiv di tutti gli avversari politici dei pentastellati in campagna elettorale– vi aiutiamo noi visto che non ce la fate”. L’operazione ricorda molto le famose “magliette gialle” del PD. Ve le ricordate?

La De Filippi d’altronde è stata sempre una fuoriclasse della televisione e della comunicazione, capace di influenzare buona parte del suo numeroso pubblico.

Qualcuno potrà obiettare: “Sei come i grillini, vedi i complotti ovunque”. Invece no.

E non per una questione di patteggiamento per uno o per l’altro partito ma semplicemente per una questione di onestà intellettuale.

Quale valore aggiunto darebbero al Comune di Roma i ragazzi di “Amici” pulendo le strade? In che modo aiuterebbero il Campidoglio? Chiunque -se ben informato- sa benissimo che i problemi dell’immondizia a Roma (ove presenti) non sono dovuti alla mancanza di personale che pulisce le strade ma alla mancanza di impianti dopo la chiusura della discarica di Malagrotta. Se l’immondizia rimane per le strade della Capitale è perché strutturalmente i pochi impianti di stoccaggio vanno in tilt.

Una volta raccolti i rifiuti dalle strade, di grazia, dove pensano di smaltirli questi giovani talentuosi? Ce lo dicessero così almeno lo risolviamo una volta per tutte sto problema.

Prendere un provvedimento del genere significa entrare a gamba tesa nella campagna elettorale su un argomento che da settimane è sulle pagine di tutti i giornali, frutto di polemica nei talk show nonché argomento preferito degli avversari politici dei grillini (“Guardate come governano Roma i 5 stelle, volete essere davvero governati da loro?“).

Delle due l’una quindi: o la De Filippi è in malafede o i suoi non hanno ben chiaro quale sia il problema della città in cui vivono.

Perché non fare pulire ai ragazzi gli studi televisivi dove si registra la trasmissione? O perché non mandare i ragazzi a servire un pasto caldo ai clochard insieme alla Caritas?

Ci sono tanti lavori socialmente utili da farvi fare, c’è l’imbarazzo della scelta…” dice la conduttrice dopo aver comunicato la decisione ai concorrenti del talent. Ecco: allora perché iniziare proprio da un argomento così scottante?